Partito di Alternativa Comunista

Sconfiggere Bolsonaro-Mourao e il loro progetto di dittatura!

Sconfiggere Bolsonaro-Mourao

e il loro progetto di dittatura!

 

 

Pstu- Sezione brasiliana della Lit-Quarta Internazionale

 

 

La manifestazione convocata per il 13 marzo ha lo scopo di rafforzare Bolsonaro e la sua offensiva alle libertà democratiche, per servire meglio i banchieri, le grandi imprese, i proprietari delle miniere e il loro capo, Trump.
Una serie di messaggi diffusi attraverso i social media propongono una manifestazione a marzo con parole d'ordine che vanno dal generico sostegno incondizionato a Bolsonaro, alle misure di attacco alle libertà democratiche come l'esclusione dall'illegalità (carta bianca agli agenti delle forze dell’ordine) e la semplice "chiusura" del Parlamento e del Supremo Tribunale Federale (potere giuridico). Diversi parlamentari che sostengono il governo (“bolsonaristas”) hanno stabilito la data, così come lo stesso presidente ha inviato dei video dal suo telefono personale via whatsapp che incitano a partecipare alla manifestazione, come hanno rivelato i quotidiani lo Stato di Sao Paulo e Folha.
Gli appelli sono stati lanciati dopo che alcune parole del generale Heleno, Ministro del Gabinetto di sicurezza istituzionale e principale rappresentante dei militari nel ristretto cerchio di potere di Bolsonaro, sono state intercettate durante un evento del suo governo. Il contenuto delle intercettazioni rivela che Heleno ha spronato Bolsonaro a non cedere al ricatto da parte del governo e ha orientato il presidente a “convocare la gente in piazza”. “Non possiamo permettere che questa gente ci ricatti continuamente. Cazzo", ha detto.
L'irritazione di Heleno si verifica in un contesto di crisi e di controversie tra il governo federale e il Congresso nazionale per il controllo del bilancio. Si tratta, infatti, della punta dell'iceberg di un quadro molto più grande che comporta una profonda crisi politica, l'assenza di una base di sostegno governativa, un'economia che scivola senza prospettive di salvataggio, l'aggravarsi del caos nel settore pubblico e l'avanzare dell'insoddisfazione per Bolsonaro in numerosi settori, come espresso nello sciopero del settore petrolifero e lo sciopero generale del servizio pubblico federale per il 18 marzo.
In questo senso, l'appello alle manifestazioni pro-Bolsonaro ha la funzione di mantenere coesa la sua base elettorale "dura e pura", che si aggira intorno al 30%, che in teoria gli garantirebbe la rielezione nel 2022. Servirebbe anche da cortina fumogena per future rivelazioni sul suo illegittimo coinvolgimento con la milizia, in particolare con quella di Adriano da Nóbrega, giustiziato dalla polizia di Bahia.
Tuttavia, mira anche a rafforzare ulteriormente Bolsonaro, il suo gruppo militare nel governo e i suoi attacchi alle libertà democratiche. La persecuzione delle popolazioni indigene per conto dei proprietari delle miniere, la persecuzione degli scienziati e degli ambientalisti, l'oscurantismo nell'istruzione e l'attacco sistematico alla stampa, ai giornalisti e alla libertà di espressione in generale, rappresentano un disegno coerente e studiato a tavolino. In altre parole, le manifestazioni volute da Bolsonaro, Heleno e dalla sua squadra difendono un progetto autoritario di dittatura per il Paese. Non è un caso che la maggior parte delle convocazioni si richiamino alle figure di Heleno, Mourão, a personalità e simboli militari o allo stesso Bolsonaro, con messaggi apertamente golpisti.Il Congresso Nazionale e il Supremo Tribunale Federale, insieme al governo Bolsonaro, hanno lanciato diversi attacchi contro i lavoratori e i poveri. Ma quando Bolsonaro e i suoi sostenitori parlano di chiudere il parlamento, quello che vogliono è imporre una dittatura per estendere questi attacchi e per nascondere i casi di corruzione in cui sono coinvolti il presidente e i suoi figli. Si tratta di mettere a tacere ogni tipo di opposizione e di libertà di organizzazione e di espressione, per servire ancora di più gli interessi dei banchieri, dei grandi imprenditori e del loro capo, Trump.
Ci vuole un'ampia unità d'azione nelle piazze per sconfiggere questo progetto di dittatura. Scendere nelle piazze di questo Paese per cacciare Bolsonaro, Mourão e le loro truppe, perché è l'unico modo per porre fine alla distruzione del Paese che questo governo promuove.

 

[traduzione dal portoghese a cura di Natalia Tucunduva]

 

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

 
 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 
 

 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 93

NEWS Trotskismo Oggi n16

Ultimi Video

tv del pdac

Menu principale