Partito di Alternativa Comunista

L'aggressione imperialista allo Yemen e la denuncia del Sudafrica

L'aggressione imperialista allo Yemen e la denuncia del Sudafrica

 

 

 

Lit-Quarta Internazionale

 

Nelle ultime settimane ci sono stati diversi attacchi imperialisti contro le popolazioni arabe e le regioni dello Swana (la regione del Nord Africa e del sud ovest dell’Asia).
Israele ha eseguito una serie di attacchi contro Hezbollah nel sud del Libano, causando diverse vittime; l'8 gennaio ha raggiunto i sobborghi meridionali di Beirut per uccidere Wissam Tawil, un comandante di alto livello delle forze Radwan di Hezbollah; in Cisgiordania ha attaccato campi profughi e moschee; la più efferata uccisione recente è stata l'investimento di un giovane da parte di un carro armato, con la contemporanea uccisione di tre ragazzi di 22-24 anni nel nord del territorio occupato. Dopo che Israele ha ucciso un leader di Hamas in Libano e l'Iran ha subito un attacco che ha causato almeno 84 morti, il 4 gennaio gli Stati Uniti hanno promosso un attacco con un drone per uccidere il leader di un gruppo filo-iraniano con base in Iraq, Harakat Hezbolla a-Nujaba, a Baghdad.
Successivamente, una coalizione guidata dagli Stati Uniti ha lanciato attacchi aerei contro lo Yemen e i ribelli Houthi per aver attaccato le navi sulle rotte commerciali nel Mar Rosso a sostegno dei palestinesi di Gaza. I bombardamenti hanno colpito la capitale yemenita, Sanaa, uccidendo e ferendo combattenti e civili.
Questo dimostra, da un lato, la totale impossibilità dell'esistenza di due Stati in Palestina, a causa della saga distruttiva di Israele e dell'imperialismo statunitense, e che la strategia di resistenza deve essere la distruzione dello Stato di Israele. D'altra parte, dimostra che la politica di Israele e dell'imperialismo è la totale capitolazione e sottomissione dei governi dei Paesi della regione.
La borghesia al potere di questi Stati, come l'Arabia Saudita, l'Iran e il Libano, è pronta ad accettare lo stato di cose esistente. Poiché, anche con tutti questi attacchi, si rifiutano di affrontare Israele militarmente. Questi governi della regione hanno come strategia quella di stringere un patto con i sionisti, attraverso gli «Accordi di Abramo».

 

Un conflitto regionale per sconfiggere Israele

Ciò sarà possibile solo attraverso la formazione di direzioni alternative ai governi della regione. Se ciò accadrà, si aprirà la possibilità di cambiare i rapporti di forza militari nella regione. Finora solo gli Houthi e la resistenza palestinese sono impegnati in combattimenti militari. I dirigenti degli Houthi hanno affermato che i Paesi imperialisti stanno entrando nella «più grande follia della loro storia» e che, come Hamas, sono pronti a una battaglia a lungo termine. Al grido di «Morte all'America, morte a Israele», centinaia di migliaia di persone, molte delle quali armate, hanno marciato per le strade di Sanaa, portando bandiere yemenite e palestinesi.
In Bahrein, governo alleato degli Stati Uniti, migliaia di persone sono scese in piazza per protestare contro la partecipazione del Paese alla coalizione militare. Grandi le manifestazioni anche in Malesia e Indonesia. Il 13 gennaio, migliaia di persone si sono riunite a Bank Junction, nel centro di Londra, e a Washington DC, in solidarietà con Gaza, chiedendo un cessate il fuoco e la fine dell'escalation di attacchi statunitensi nello Yemen.
Il 15 gennaio, la porta container battente bandiera delle Isole Marshall, di proprietà e gestita dagli Stati Uniti, è stata colpita da un missile balistico antinave sparato dai militanti Houthi. Lo stesso giorno, l'Iran ha attaccato la capitale del Kurdistan iracheno con missili balistici, uccidendo quattro civili. Secondo la Guardia Rivoluzionaria, l'attacco aveva come obiettivo un centro di spionaggio israeliano, una reazione indiretta e del tutto inadeguata.

 

Ripudiamo l'attacco imperialista allo Yemen

Gli Houthi sono ribelli che controllano la maggior parte dello Yemen settentrionale, compresa la capitale del Paese, Sanaa. Il gruppo è nato negli anni Ottanta ed è sostenuto dall'Iran, ma non è completamente asservito. Si distinguono dai leader iraniani non solo perché fanno parte della dottrina sciita degli Zaydi, ma anche perché sono economicamente autonomi da Teheran (ricevono le entrate statali dalle regioni settentrionali e controllano le reti di contrabbando nell'area, soprattutto di armi), hanno una propria agenda politica e una struttura di potere distinta.
In modo diverso, sono anche il frutto della Primavera araba, quando hanno acquisito uno slancio significativo e nel 2014 sono riusciti a rovesciare il governo saudita sostenuto dall'imperialismo e a prendere il potere in gran parte dello Yemen. Una serie di negoziati ha portato alla cessazione dei combattimenti nel 2022 con le truppe sostenute dai sauditi e dagli Emirati Arabi Uniti.
Ciò che riconoscono maggiormente dell'Iran è che lo vedono come uno Stato che rappresenta un modello di resistenza all'Occidente. Il gruppo ha affinato le sue capacità militari durante anni di guerra civile. In realtà, hanno più successo come gruppo militare che come governanti. Lo Yemen è un Paese povero, ma gli attacchi condotti contro le navi nello stretto di Bab el Mandab, che separa il Mar Rosso dal Golfo di Aden e dall'Oceano Indiano, hanno colpito economicamente le multinazionali imperialiste, soprattutto nei settori del petrolio e del gas naturale.
Per questo motivo l'imperialismo statunitense ha creato una forza multinazionale per proteggere le rotte: l'operazione Prosperity Guardian, con la partecipazione di Regno Unito, Bahrein, Canada, Francia, Italia, Paesi Bassi, Norvegia, Seychelles e Spagna, e ha attaccato lo Yemen con una reazione del tutto sproporzionata. Questo potrebbe portare a una estensione in tutta la regione del conflitto.
Ma è difficile giustificare un attacco allo Yemen quando le sue forze hanno attaccato alcune navi mentre, allo stesso tempo, Israele continua a commettere un genocidio con il suo brutale bombardamento e l'assedio di Gaza senza che ci possano essere conseguenze da parte di nessun Paese.

 

La resistenza palestinese crea ostacoli a Israele

Il 1° gennaio, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha annunciato il ritiro di due brigate (ogni brigata conta circa 4.000 soldati) dalla Striscia di Gaza. Ha inoltre annunciato il ritiro di altre tre brigate. Il governo israeliano ha iniziato a sentire i costi della guerra contro la resistenza palestinese sia dal punto di vista economico che politico.
Si stima che il costo della guerra per Israele arriverà intorno ai 60 miliardi di dollari. Ad oggi, gli obiettivi fissati per la guerra non sono stati raggiunti, come dimostra il mancato smantellamento di Hamas e la liberazione degli ostaggi, così come resta illusorio l'assassinio di alti comandanti di Hamas.
Pur affermando che le proprie forze si stanno dimostrando più abili nel riconoscere e smantellare le trappole esplosive, oltre che capaci di manovrare per evitare le imboscate ed evacuare i feriti, riconoscono che il conflitto ha ancora molta strada da fare. Il comando dell'esercito israeliano ammette di combattere una «guerra complessa e complicata».

 

Crisi politica in Israele

È in atto una crisi nella coalizione di Netanyahu, quella più a destra nella storia del Paese. Migliaia di persone hanno manifestato a Tel Aviv e davanti alla residenza privata di Benjamin Netanyahu a Caesareia sabato 6 gennaio, chiedendo nuove elezioni nazionali immediate nel contesto della guerra in corso tra Israele e Hamas a Gaza. Ma, con qualsiasi governo sionista, la politica di genocidio a Gaza continuerà.
Come dimostrano i numeri delle istituzioni e delle agenzie internazionali, nel momento in cui scriviamo, ammettono che almeno 25.000 palestinesi sono stati uccisi e 60.000 feriti. Il Wall Street Journal ha riportato che quasi il 70% delle 439.000 case di Gaza e la metà degli edifici sono stati distrutti, così come gran parte delle infrastrutture idriche, elettriche e di comunicazione, e che l'assistenza sanitaria è «irrecuperabile». Su 36 ospedali, solo otto sono funzionanti e due terzi degli edifici scolastici sono stati danneggiati, così come le chiese e più di 100 moschee. Secondo l'Associated Press, in due mesi di guerra Israele ha causato più distruzione a Gaza che nella battaglia di Aleppo in Siria o nell'attacco a Mariupol in Ucraina, portati da due dittatori sanguinari e assassini come Bashar al Assad e Vladimir Putin.

 

Il diritto internazionale imperialista è impotente

Abbiamo visto la denuncia per genocidio del Sudafrica contro Israele presso la Corte internazionale di giustizia. Il processo è iniziato l'11 gennaio. Ma purtroppo questa sentenza non avrà alcun effetto concreto nel fermare gli attacchi di Israele contro il popolo palestinese.
Abbiamo già visto nel caso dell'aggressione russa all'Ucraina che Putin ha violato le norme del diritto internazionale con questo attacco. L'Ucraina ha il diritto all'integrità territoriale e all'indipendenza politica, ma c’è stata la truffa russa di «riconoscere» l'indipendenza di Donetsk e Luhansk. La Russia ha commesso un atto di aggressione contro l'Ucraina. Ma le istituzioni internazionali non hanno fatto quasi nulla al di là dell'aspetto formale.
Nel primo dei due giorni di udienze presso la Corte internazionale di giustizia, il Sudafrica ha sostenuto che l'offensiva di Israele, che ha demolito gran parte dell'enclave costiera e ucciso più di 23.000 persone, era volta a causare «la distruzione della popolazione» di Gaza, dimostrando che i leader politici e militari di Israele, tra cui il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, sono tra gli «istigatori del genocidio». Ciò è evidente dal modo in cui viene portato avanti questo attacco militare.
Israele ha respinto le accuse di genocidio come false e infondate e ha affermato che il Sudafrica stava parlando a nome di Hamas; loro sostengono che c'è ipocrisia e menzogna nelle accuse e che sono loro a combattere contro il genocidio.
La difesa sudafricana presenta come prova la campagna di bombardamenti sostenuta da Israele e i commenti di ministri, come il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant, che ha dichiarato che «combattiamo contro animali umani e agiamo di conseguenza».
La Convenzione sul genocidio del 1948, promulgata dopo l'assassinio di massa degli ebrei durante l'Olocausto nazista, definisce il genocidio come «atti commessi con l'intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso». Questo è chiaramente ciò che fa l'esercito israeliano.
Il diritto internazionale preserva solo i civili e richiede il massimo sforzo, da parte degli eserciti, per distinguere tra combattenti e civili. I dati dimostrano che l'esercito israeliano non distingue nessuno e uccide gli stessi ostaggi di Israele.

Inoltre, Israele sta attuando un blocco totale, privando l'intera Striscia di Gaza di beni essenziali come carburante, elettricità e acqua potabile. Ad esempio, gli ospedali sono privi di farmaci. Blocca inoltre tutti gli aiuti umanitari al valico di Rafah, che collega il territorio palestinese all'Egitto.
Si spera che Il Tribunale si pronunci al più presto per alcune misure d'emergenza, ma molto probabilmente non si pronuncerà sulle accuse di genocidio e tali procedimenti potrebbero richiedere anni. Alla fine, anche se il Tribunale dovesse pronunciarsi, non avrà modo di far rispettare le misure.
Saranno le manifestazioni dei lavoratori e dei giovani di tutto il mondo, il sostegno politico e militare alla resistenza palestinese e le campagne di rottura e di boicottaggio contro Israele e i suoi sponsor a cambiare il corso della guerra. La mobilitazione della nostra classe farà emergere la possibilità della sconfitta militare dello Stato di Israele e della costituzione di uno Stato palestinese laico, democratico e non razzista.

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 128

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac